ASCII-Art #2. Reductio ad unum.

Viviamo in un sistema crudele.

Ci esorta, ci spinge, ci costringe a sentirci delle individualità specifiche e irripetibili. Produce migliaia di tipi diversi di vestiti, cibo, libri, giocattoli e ritrovati tecnologici. Ma li produce in serie. Le idee che governano gli schemi di design e di produzione sono prodotti in serie. Ogni oggetto è riconducibile ad uno schema omogeneo e così radicato da risultare quasi invisibile tant’è dato per scontato.

Inutile dirlo, anche i pensieri vengono prodotti in serie.
Da propinare insieme agli omogeneizzati.

Viviamo in un sistema crudelmente buono.

Ci fornisce tutti gli strumenti per sentirci diversi. Semplicemente mescolando dei prodotti in serie. Vesto una giacca nera Armani ma dei pantaloni rosa-shocking di Dolce&Gabbana, e sono diverso. Ho un mio modo particolare di essere cattolico, e mescolo un po’ di giansenismo e un po’ di adozionismo. Creo musica folk-metal-alternative-gothic-norwegian-post-progressive-satanic-stoner che perirà miseramente dopo il primo CD demo.

E, mi spiace dirlo, ma il sistema sembra di tipo autorigenerante.
Forse all’infinito.
Forse no.

Estemporanea X (suono di campane a morto).

Perché ciascuna di queste fottutissime esistenze è transeunte.
Ed è questo a farmi ridere di gusto.

Rido dell’importanza che date a tutti questi accorgimenti,
per garantirvi la serenità della vostra ipocrisia,
per assicurarvi una famiglia, un microcosmo solidissimo,
che si sconvolge sfaldandosi, si rivolta contro piroettando,
si rimodella, si vendica, si distorce.
Si contorce.

Si contorcono budella d’oro bianco,
e a questo punto resta solo rifugiarvi
nella terra brulla della vostra contraddizione.

E nel vostro triplo gioco farete, infine,
un ultimo inutile triplo salto mortale;
un estremo tentativo,
che rovinerà in un capitombolo,
finendo per capitolare.

Io, invece, sarò lì,
a ridere di voi laggiù.

Mi spiace.

Orgasmo al cioccolato (aridaje).

Ci voleva un po’ di crack per festeggiare l’anno nuovo.
Peccato che quelli di BlogBabel si siano un po’ incazzati per questo scherzetto.
Ma mi sa che son gli unici.
Per Technorati per esempio un’authority è per sempre.

Vabè.
Intanto ringrazio blazar per la fantasticherrima idea. Che all’inizio avevo pensato che fosse una puttanata, e invece poi ne ho colto il potenziale sovversivo. Bravo. Terrorista islamico anarcoinsurrezionalista infame. E pure comunista. Ti mando tutta la Chiesa e il Partito delle Libertà sul tumblr.

In ogni caso que viva siempre el PageRank.
Perché una parola non è buona se non è famosa.
Anche se non è sempre detto che non sia famosa solo perché non è buona.

MMMMMNNNNNNNNNNNDDD88DD88DDDDDNNNNNNNNMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
MMMMMNNNNNNNDDNNDDDDDDDDDDDDDDNNNNNNNNNMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
MMMMMMNNNNNNNNNNDDDDDDDDDDDDDDDNNNNNNNNNMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
MMMMMNNNNNNNNNNNNDDDDDDDDDDD8DDNNNNNNNNNNMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
MMMMNNNNNNNNNNNNNNNDDDDDDDDD8DNNNNNNNNNNMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
MMMMNMNNNNNNNNNNNNDDDDDDDDDDDNNNNNNNNNNNMZ$$MMMMMMMMMMMMMMMM
MMMMNNNNNNNNN?7O8DNDDDDNDDDDDDNNN8NNNNNNNNZIMMMMMMMMMMMMMMMM
MMMMNNNNNNNNN$I8DDDDDDDD8D7?DI7$ODNNNNNNNN8$?MMMMMMMMMMMMMMM
MMMMMNNNNNNN?7O8NNDDDDDDD87?NI7$8NNNNNNDNNDZIMMMMMMMMMMMMMMM
MMMMMNNNNNNN=+?I?I7INMDDD87?DZ7$DNDDNNDMZ=II+=MMMMMMMMMMMMMM
MMMMMNNNNNN=??I$77OZ$777I?I+N7$78+II=??OII7O?++MMMMMMMMMMMMM
MMMMMMNNNNN7~M8?7OD$DM?7Z?=~D8:NN8N$?D8OD$+NNZ=NNMMMMMMMMMMM
MMMMMMNNNN:OZ$D?O?8N+NMMM?~~DD~NNI7NOZIZ=Z8NN7+~NNNNNMMMMMMM
MMMMMNNNNN:8ZMIO7O7$$N8NN+?~DN:DNMMMO8D?8OD877=~NNNNNNNNMNMM
MMMNNNNNNNII8O?8$Z8NMMMMZ+~~DD::=??MNN888DDN7II~ZNNNNNNNNMMM
MMMNNNNNN:8Z?D8ZOO8N=M=ZZ+~+DD=:DNINNN,O?8DD=M7+~NDNNNNNNNNN
MMMMNNNNN:7I8NOZZ88$NOMMZ=~78DD:D8M8MMD8IOO=8NM8=DDDDDNNNNNN
MMMMNNNNN7NDZ7O$DO8N=NMM?~:8888:D8N8DN88Z8OO8M8=~:DDDDNNNNNN
MMNNNNNN~I=MDO?$ZO+NMNMD?~:8888~:NNMMMNIO$OOI7DM$:88DDDNNNNN
MMNNNNND,8?N?7O7888$DI8O=~=8OOOD7NNNI+NDOZOOOZN?I=8888DDDNNN
MNNNNNDD:N$+D777+8I8DMMM=~?OOOO8:8NNZMMO8O~87~ON$~$OO888DDNN
NNNNDDDD:$NMIO8DD$DNNNM+~:OZZZOO::DN~NMNNDD?D8NMD~:ZZOO8DDNN
NNNNDD8D:DMM8DIODDMN7M++~:Z$$$ZZO,ODMNMNDDN87DONN+:ZZZO88DDN
NNNDD888,8M7NNNDNNN$OMM=~+ZZ$$$$Z~,DNM$NN8NDZNMM8+:ZZZO88DDN
NNDD8888:8NNONN8NNOMM$I=~ZZZ$$$$ZO:OD+M+ZMN8DND7?~?$ZZO88DDD
NNDD88OO$OMN8MDDZNN?MM=:O$$$$ZZZZZO:DNM?N$NN7N7N?:Z$ZZO88DDD
NDD88OOOO7DO8DDZNDM8NI:+Z$$$$$$ZZZZZ~=MZMDDODN+N=:ZZZZO88DDD
NDDD8OOOZ7ONDMMIDNMMD:?ZZZ$$$$ZZZZ$$Z~DNMMZN?DNM~O$ZZOO8DDDD
NNDDD8OZZO=7DDD8NZNM~IOZOZ$$$ZZZZZZ$7$~$MMDIN8Z8:$$ZZZOO8DDN
NNNDD8OOZO878DN?II7~8OZZZZZZZZOOOOZZ$$$7=O8DNDD~Z$ZZZOO8DDNN
NNNND88OOOO88O$Z777OZZZZZOOOOZZOOOOOZZ$$ZO$IN8D=OOOOOO88DDDN
NNNNDD88OOOO+NN$7OZZZZOOOOOOOOOO8888OOOZZO7I$7:8OO88DDDDDDNN
NNNNNDD8888O$NN7DZZZOOOOO8888888888888OOO88DNN?D888DDDDNNNNN
MNNNNNDDD888MNM=8OOOOOOO88DDD888DDDD88888888.ZND88DDDNNNNNNN
MNNNNNNDDDDD~O:DD8888OO88DDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDNMDDDNNNNNNNNM
MMMNNNNNNNNN+N:DDDDDD8DDDDDDDNNNDDDNNNNNNDDNNZN?NNNNNNNNNNNM
MMMMMMNNNNNNNN:NNNNNNDNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNIMMNNNNNNNNNMMM
MMMMMMMMMMNMNMZNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNMMMNNNNMNNNNMM
MMMMMMMMMMM?M,NNNMMMNNNMMMMMNNNNMMMMMNNNNNMMMM:MOMNMMMMMMMMM
MMMMMMMMMMMOM:MMMMMMMMMMMMMMMNMMMMMMMMMMMMMMMM.MMMMMMMMMMMMM
MMMMMMMMMMMMM.MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM+DMIMMMMMMMMMM
MMMMMMMMMM?MM=MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM,MMMMMMMMMMMM
MMMMMMMMMM?M==MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM.MMMMMMMMMMMM
MMMMMMMMMMMM,DMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMOMMMMMMMMM
MMMMMMMMMNMM,MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM.MNMMMMMMMMM
MMMMMMMMM?MM,MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM.MMMMMMMMMMM
MMMMMMMMMNMM:MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM.MMMMMMMMMMM
MMMMMMMM8MMM.MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM:MMMMMMMMMMM

Ah, butto qui un’altra chicca: non metto il bannerino perché non mi piace, ma credo che chiunque sia avvezzo alla stabilità della piattaforma su cui noi tutti abbiamo l’infinito piacere di postare, si sentirà profondamente commosso leggendo la serie: Splinder: il mio cervello è in manutenzione.

A volte fa bene far capolino fuori, indubbiamente.

Estemporanea I.

L’ultimo ad di non so quale marca di omogeneizzati presenta un bambino che gattona smaliziato sui prati.

All’improvviso si erge in piedi e, forte del vigoroso potenziale fornitogli dalla poltiglia di carne, prende in mano un martello e, insieme ad altri bambini-black-bloc altrettanto martellodotati, si lancia correndo alla carica, urlando felice e ancor più smaliziato, contro una vetrina immaginaria.

In realtà questa massa di pseudohippie non sa che, dietro la telecamera e l’appena accennato sottofondo di Datemi un martello (sic), li aspetta la celere per provvedere quanto prima al [re]inserimento nella «grande catena di montaggio sociale nella quale lavoro da anni».

Non più smaliziati, dunque, meriteranno un caloroso e compassionevole buon viaggio.

ASCII-Art #1. Airstrike over the mourning crowd.

Perché ormai c’è una rassegnata ostinazione. E se in questo periodo la Grande Sfiga Universale sta lanciando continuamente degli spilli sulle mie gonadi, le dimostrerò che stoicamente resisterò a questi suoi attacchi alle s… Vabbè.

Potrei raccontarvi di 160 Km percorsi contro i mulini a vento, oppure di auto in sovrapressione, e altre fantastiche avventure. Ma mi limiterò a spiegare l’ultima.
Una chicca per gli smanettoni.

Ho alcuni PC messi in rete tra loro in modalità mista (in parte via Ethernet e in parte via Wi-Fi). Di questi mi interessano in particolare due. Uno lo chiamiamo GROOVE (192.168.0.2), ed è quello che regna sovrano, l’ammiraglia della flotta, insomma il più figo (anche perché, oh, l’ho pagato mica poco). L’altro si chiama VECTOR1 (192.168.0.253), altresì detto "il serverino" per via del fatto che, pur essendo vecchiotto, lavora alacremente come server HTTP, FTP, DNS, DHCP e tanti e tanti altri.

Ora. Dati i nomi a queste due bestiole è necessario spiegare che finora tutti i computer della rete si son sempre visti senza problemi. In particolare Groove guardava Vector1 e Vector1 guardava Groove. Tanto si son visti che alla fine si sono innamorati. Hanno sempre lavorato fianco a fianco. Per esempio, su Vector1 ho i siti, da Groove li modifico, poi punto il browser su Vector1 per visualizzarli. E altre cose così. A questo punto credo anche che abbiano fatto anche un matrimonio via Ethernet, e non vi dico che ho pensato quando ho visto certe collisioni qualche tempo fa sullo switch che li collega.

Poi Groove è partito per un’operazione chirurgica. Gli dovevano trapiantare per la seconda volta un alimentatore nuovo (e porca miseria quanto m’è costato ndr).

Al ritorno non è stato più lo stesso.

Ora Groove vede tutti (ma dico tutti) i computer tranne Vector1. Vector1 vede tutti (ma dico tutti) i computer tranne Groove. Di conseguenza: Groove e Vector1 non si vedono. Non si pingano, qualsiasi richiesta va in timeout, non si vedono con nessun protocollo. Un casino.

Io so cos’è successo.
Credetemi, Oxi lo sa che il mio computer ha un’anima.
E anche parecchio incazzusa.
È per questo che me lo sento.
Groove e Vector1 hanno divorziato.
Hanno divorziato, capite?

Serio. Mi rivolgo agli smanettoni che passano di qui, tipo quelle faccione da smanettoni di ABS e Bruno (a proposito Bruno, ho riletto poco fa il post con cui ci siamo conosciuti ^^). Secondo voi cos’è successo? Ma soprattutto: chi è che sta facendo lo stronzo dei due? Perché lo stronzo c’è, sicuro.

/* Considerate che a livello software non è cambiato nulla, e non ho firewall attivi, solo AVG. Nessun filtro IP o cose di questo genere. Ah, può essere utile sapere che sul serverino ho Big Brother, e ogni tanto ho scoperto che tenta una richiesta FTP su Groove… e Groove la vede! Però poi non riesce a rispondere. È come se Groove recepisse un messaggio dall’iperspazio però poi non sapesse a chi indirizzare la risposta. Boh. Dimenticavo: il DHCP però funziona (Vector1 è il server DHCP). */

ASCII-Art #0.

Qualche anno fa c’è stato un periodo in cui ero un assiduo lurker del newsgroup alt.ascii-art. Vi sarà evidente che si tratta di un newsgroup storico, e a dimostrarlo ulteriormente ci sono degli appuntamenti che, a distanza di anni, vedo ancora vivi e attivi (leggasi: intramontabili), come l’ASCII Art Fart, ma soprattutto la serie Nerd Boy di Joaquim Gândara.

Di quest’ultimo ho sempre adorato questo suo rappresentare degli esserini piccolini che fanno davvero tenerezza e son capaci di tante espressioni diverse. Presi spunto da lui per una sign, e lo rifaccio volentieri per commentare il risultato di quello che è successo ieri.

(Beh sì, magari potrei anche parlarvi di ieri in sé e non delle sue conseguenze… ma avrei così tante cose da dire che non riuscirei a trovare le parole adatte. Davvero. Un piccolo fantastico momento che avrei voluto non finisse mai. Anche perché sai che rottura alla fine smontare e riportare tutto quel popo’ di roba al locale… argh!)

Chissà che non mi venga in mente di continuare a fare delle strip. E pensare che cinque minuti fa stavo pensando pure di aprire un blog parallelo apposta per l’occasione. Ehm… ebbene sì, comincio a credere di essere davvero dissociato.

Comunicazione di servizio: non avete la minima idea di che cazzo stia dicendo? Cliccate qui per una guida alla prima parte e qui per l’incidentale. Eppoi non dite che sono oscuro e incomprensibile, oh.